Tenuta San Domenico

Archives: giugno 2013

Fabiano Santacroce e Barbara Petrillo sposi in Tenuta San Domenico

Posted on

santacroce petrillo (11)

Emozioni in bianco e blu per Fabiano Santacroce, ex difensore della Nazionale e del Napoli attualmente nel Parma, e Barbara Petrillo, bellissima showgirl napoletana di Mai Dire Gol, Quelli che il calcio e Le Iene.

ingresso-chiesa

 

Con un abito bianco di pizzo lei e uno smoking grigio lui, la coppia vip ha fatto ingresso nella piazzetta della tenuta per incontrare parenti e amici. Il blog di oggi è dedicato agli sposi e ai particolari che hanno arricchito la Tenuta di San Domenico di bellezza, fascino ed eleganza. Tutto è stato curato con gusto e professionalizza’ ad opera della collaborazione fra Global Strategies Marketing e Comunicazione, Clara Morra, Il Massimo dei Fiori e il patron Nara Di Cecio.

 

satta boateng sposi

Melissa Satta con il fidanzato Kevin Prince Boateng, Maddalena Corvaglia e il marito Stef Burns, Samantha Crippa, Costanza Caracciolo, Alessandro Boero, Philippe Renault j, Daniele Battaglia, il figlio di Massimo Moratti, Antonio Mario sono solo alcuni dei tanti altri invitati importanti che hanno festeggiato in allegria gli sposi in riva al laghetto e poi nel gazebo allestito con nastri e fiori bianchi e blu per un party di nozze davvero glamour.

santacroce_petrillo

Un aperitivo fresco ed elegante per accogliere gli ospiti e coccolarli pensando alla cura di ogni dettaglio. Apprezzate molto le ballerine volute da Barbara e Fabiano per regalare a tutte le ospiti una comoda passeggiata sul prato… senza tacchi!

santacroce petrillo (2)

Tutto è in tema wedding in Tenuta San Domenico. Dai cestini dei fiori per adornare gli alberi, al tableau marriage che pende da un ramo sul laghetto… tutto curato con professionalità e gusto dal personale addetto sotto la supervisione del patron della Tenuta, ing Nara Di Cecio.

giardino

Ortensie e nuvoletta su ogni tavolo, un filo conduttore che dall’aperitivo percorre tutta la festa e giunge fino al gazebo in un’atmosfera chic ed elegante resa indimenticabile dagli sposi.

tavoli

I deliziosi piatti gourmet sono stati scelti e selezionati dagli sposi e preparati con sapienza magistrale dallo chef della tenuta Ciro de Marino che oltre alla prelibatezza degli ingredienti cura l’aspetto scenografico di ogni boccone.
dettagli

buffet

In un’atmosfera suggestiva e chic, tra piatti prelibati e musica di sottofondo in filodiffusione in ogni angolo della Tenuta, tra brindisi di gioia di parenti e amici, Fabiano e la splendida Barbara hanno coronato il loro sogno d’amore.

santacroce petrillo (9)

Les7sources del giornalista francese Francois Vayne racconta il fascino di Capua e della nobile Tenuta

Posted on

papa francesca vayne
Tenuta San Domenico
raccontata nel blog del giornalista francese Francois Vayne. Definita tra “le delizie di Capua come un luogo capace di evocare momenti indimenticabili di piacere”, la nostra Tenuta è menzionata dal famoso giornalista giunto in Italia per incontrare Papa Francesco (foto). Nel ripercorrere le tappe che hanno reso famosa e memorabile la storia di questa città, definita l’altra Roma, Vayne celebra anche la bellezza e la nobiltà di Tenuta San Domenico e della città di Capua.

Fondata dagli Etruschi nel IX secolo a.C. Capua è stata testimone di tappe storiche importanti. Dal cartaginese Annibale, al gladiatore Spartaco, luogo di pellegrinaggi alla Dea della fertilità Diana e  del primo consiglio mariano, Capua raccoglie ancora oggi indelebili testimonianze del passato.

Da Roma in direzione Caserta, la città che i Borboni hanno voluto bella come Versailles, si arriva dunque a Capua e in Tenuta San Domenico “il luogo ideale dove soggiornare e scoprire le nuove delizie di Capua – scrive Vayne -. Qui Francesco di Cecio, un architetto appassionato e con un grande senso della storia, ha creato la famiglia “hacienda”, un vero paradiso terrestre, taglia le sue splendide rose e, con estrema delicatezza e pazienza, cura tutti i dettagli del soggiorno dei propri ospiti”. Un commento entusiasta del giornalista senza frontiere, così come lui stesso si definisce, va anche alla cucina: “I pasti sono eccellenti, degni di essere riferimento la Guida Michelin in un posto che sembra si perda alla fine del mondo cosa che contribuisce a rendere unico il suo fascino”.

La storia che si intreccia con l’ospitalità della Tenuta che “sorge proprio dove si scontrarono le truppe di Garibaldi e quelle dei Borboni, non lontano dall’antico santuario di Diana che divenne un monastero benedettino in cui è onorato l’Arcangelo Michele. La Basilica di Sant’Angelo in Formis rimane un focolaio di preghiera e di pellegrinaggio, sulle alture di Capua, ai piedi del Monte Tifata”.

Un soggiorno immerso nella storia che unisce il relax e lo splendore della Tenuta ai tour nei vicini punti d’interesse “con Francesco di Cecio in persona o qualcuno del suo staff pronti ad accompagnare gli ospiti presso l’anfiteatro del centro storico di Santa Maria Capua Vetere o al Museo Campano con i misteriosi Matres Matutae”.

Ed ancora scrive Vayne: “Nel parco museo una statua del dio Volturno che ci aiuta a capire il ruolo centrale dell’omonimo fiume sia per lo sviluppo commerciale di Capua sia come protezione naturale contro i predatori nel corso dei secoli”.

Insomma uno splendido omaggio dalla Francia all’accoglienza della nostra amata terra.

Cerimonie all’aperto e new style

Posted on

Cerimonie all’aperto e new style, con Tenuta San Domenico il sogno diventa realtà.

Petali, fiori, ghirlande e seggioline che guardano verso l’altare arricchito da veli per una suggestiva cerimonia all’americana.

Sposarsi all’aperto, in un luogo da favola, con damigelle avvolte in morbidi e deliziosi abitini mossi da una leggera brezza sta diventando un sogno, che qui in Tenuta può realizzarsi semplicemente.

Moda americana sì, ma con il gusto e lo stile tutto italiano per un’esperienza magica da vivere all’aperto con sobrietà ed eleganza ai piedi di un gioiello architettonico della verdeggiante Campania Felix: la Basilica Benedettina, dove sorge la settecentesca Tenuta di San Domenico, trasformata in un lussuoso relais che custodisce l’inestimabile valore della storia.

Un matrimonio americano con il glamour italiano, con la complicità dell’autentica nobile atmosfera di un tempo. La Basilica Benedettina, infatti, è una delle espressioni di architettura romanica più significativa. La facciata, davanti alla quale si svolge la cerimonia, è preceduta da cinque arcate e il campanile che sovrasta ha basamenti in pietra con magnifiche decorazioni.

Il sogno si può realizzare semplicemente, grazie alla gestione amministrativa e burocratica… A voi non resta che godere del sogno e scegliere i particolari che renderanno davvero intenso il vostro fatidico Sì.

basilica

Appunti… di stile

Posted on

IMGP9186

Chi dice il che il matrimonio perfetto non esiste, si sbaglia! Tutto può esserlo. Basta avere cura per il dettaglio per stupire amici e parenti e lasciar loro il dolce sapore di un giorno speciale, allegro, leggero e divertente…

Questo blog è dedicato agli sposi che vogliono rendere il loro matrimonio un evento distinto e indimenticabile per tutti…

L’allestimento, ad esempio, rende l’ambiente accogliente e piccoli doni fanno sentire gli ospiti coccolati. i decori sono belli, ma attenzione a non renderli banali, fin troppo semplici, oppure troppo sfarzosi. Quelli lasciamoli a chi deve stupire con ogni mezzo… le decorazioni devono essere delicate, leggere e contemporaneamente ricche. Chi ha grande esperienza legge il cuore degli sposi e orienta le scelte con stile con gusto, osando un po’!

Consiglio <3 “In chiesa o nel luogo del festeggiamento, basta un cartoncino legato da un nastro o da un tulle per far sentire l’ospite accolto con gioia. Corolle di fiori candidi oppure piccoli cadeau floreali possono rendere l’ospite ancora più partecipe alla cerimonia. Attenzione, però alla scelta dei fiori, evitando quelli che possono macchiare gli abiti… e poi sì a petali e riso lanciati agli sposi, come simbolo di prosperità e benessere. I chicchi, purché in dosi limitate, possono essere abbinati a fiori profumati…”